privacy

Smartphone: il primo bersaglio del cibercrimine

I telefoni di oggi contengono tutti i nostri dati personali, eppure non li proteggiamo adeguatamente. Il telefono non dimentica. I dati personali e professionali che contiene sono preziosi perché gli smartphone sono minicomputer, una porta aperta nella vita privata e professionale dei proprietari: conti bancari, posta di lavoro, dati geografici, foto personali, contatti, reti sociali: uno smartphone accede a tutto. Uno studio di OpinionWay commissionato da Pradeo mostra che quasi l'80 percento delle persone registra sul telefono dati confidenziali, mentre un'altra ricerca – di Symantec – testimonia che il 34 percento degli interpellati conserva sullo smartphone foto e video...

Saperne di più

Lo sviluppo delle ciberassicurazioni

Di Marc Cierpisz, Security Practice Manager presso Econocom-Osiatis Che lo ammettiamo o meno, appena andiamo online, in ufficio o a casa, diventiamo vulnerabili perché membri di una cibercomunità. L'interconnettività offerta da Internet, reti sociali o cloud, crea tra gli utenti un allarmante grado di prossimità. Un collega può diventare un hacker arrabbiato contro la sua azienda, o un burlone che vuole divertirsi alle nostre spalle. Un sostituto della fiducia o un differenziatore marketing Negli ultimi trent'anni, l'industria IT ha attraversato una transizione importante, spostandosi da reti chiuse basate su grandi calcolatori centralizzati a reti aperte, tramite esternalizzazione, gestione delle infrastrutture,...

Saperne di più

La sicurezza… of Things

Perché la nuova rivoluzione ha bisogno di guardiani competenti Standard da stabilire Un grande potere porta con sé grandi responsabilità: frase che è entrata definitivamente nel gergo comune una volta che è finita in bocca ai supereroi. Proprio come si avvia a diventare la Internet of Things: elemento pervasivo della nostra vita. Con la differenza che interesserà chiunque, non solo personaggi straordinari. L’interconnessione di oggetti intelligenti e autonomi a tutti i livelli – stimata a 25 miliardi di unità da qui a pochi anni – porterà una serie di rischi di sicurezza. Sicurezza e privacy Uno dei problemi basilari...

Saperne di più

Proteggere la privacy nell'era del BYOD

Porta vantaggi all'azienda e al dipendente, ma occorre una visione strategica della sua implementazione Mobilità e produttività vs. distinzione tra privato e professionale Realizzare il BYOD (Bring Your Own Device, porta il tuo apparecchio) non è ancora facile come dirlo. In Francia una indagine di BVA/Syntec Numérique indicava lo scorso luglio al 59% la percentuale dei dipendenti che considera la dotazione di un portatile professionale una minaccia alla vita privata e in Italia le cose procedono in modo simile, con le preoccupazioni per la privacy e la riservatezza dei dati che condizionano sensibilmente le scelte IT. Una ricerca condotta da Ovum su...

Saperne di più

Tweets recenti

Econocom progetta, supporta e finanzia la trasformazione digitale delle aziende.

Con oltre 10 000 collaboratori presenti in 19 Paesi e un fatturato di 2,5 miliardi di euro, il Gruppo ha tutta l'esperienza e le risorse necessarie a garantire la realizzazione di progetti digitali di qualsiasi dimensione. L'offerta include consulenza, progettazione e/o fornitura di risorse e beni nonché la gestione tecnologica degli asset digitali, delle infrastrutture, delle applicazioni e dei vari servizi di business correlati, con una copertura finanziaria che si declina attraverso formule di canone al consumo.

Il titolo Econocom Group (BE0974266950 - ECONB) è quotato dal 1986 presso il listino Euronext NYSE di Bruxelles e prende parte all’indice BEL Mid. www.econocom.com