Le parole d'ordine sono ibrido e tastiera staccabile: un'occhiata ai tre migliori.

tablettes-pro_une

Con il primo Surface Pro del 2013, Microsoft ha compiuto un gran passo avanti in questo segmento. Da allora è arrivata alla quarta versione e risposto alla domanda di e-device leggeri con un modello 2-in-1 a tastiera staccabile, Surface Book. Ambedue gli apparecchi sono mirati al mercato enterprise e a chi lavora in movimento.

Il mercato globale delle tavolette è declinante (si è ridotto del 14,7% nel primo trimestre 2016) e i produttori cercano di riconquistare posizioni con apparecchi ibridi, nella speranza di estendere la tendenza anche al mondo consumer. Le tavolette a tastiera staccabile potrebbero ammontare al 30 percento del mercato complessivo del 2020, secondo IDC nelle parole di Jitesh Ubrani, Senior Research Analyst per i Worldwide Quarterly Mobile Device Trackers dell'azienda.

Il mercato dei PC è in declino e quello dei detachable sarà di beneficio sia ai consumatori che alle imprese, nel momento in cui cercheranno di sostituire i PC vecchi con nuovi apparecchi a tastiera staccabile.

Surface Pro, iPad Pro e Galaxy TabPro

In termini di prestazioni, leggerezza e connettività, questi nuovi apparecchi sono progettati per le esigenze dell'utenza professionale. Quale sia il migliore possiamo tentare di desumerlo dalle specifiche di base e dalle recensioni.

Microsoft Surface Pro 4. L'ultima versione del tablet che sostituisce il tuo computer, con Windows 10. Leggero e sottile (8,4 millimetri e 786 grammi), monta uno schermo touch da 12,3 pollici di risoluzione 2.763 x 1.824, una porta USB 3.0 e una porta per collegare un monitor esterno. Va ovviamente più veloce del modello precedente e incorpora uno stilo ultrasensibile con oltre mille livelli di pressione rilevata.

Gli accessori (non compresi) includono una tastiera-copertura rimovibile e retroilluminato con trackpad e sensore di impronte digitali. La docking station contiene quattro porte USB 3.0 e due ingressi DisplayPort 4K.

iPad Pro. Disponibile in due formati: 9,7” (437 grammi) e 12,9” (713 grammi), con un processore A9X e rispettivamente due o quattro gigabyte di RAM e 32 o 128 gigabyte di spazio disco. La risoluzione è di 2.048 x 1.536 pixel per la versione da 9,7" e 2.732 x 2.048 pixel per il modello da 12,9 pollici.

Una Apple SIM permette di viaggiare e disporre di connessione cellulare senza pensieri in oltre novanta Paesi.

iPad Pro si collega agli accessori non wireless, come la Smart Keyboard, con una porta Lightning è un connettore intelligente. Come accessorio esiste anche Apple Pencil, al momento lo stilo più versatile, sensibile e preciso sul mercato, tanto che alcune recensioni sono state scritte a mano, proprio con la Apple Pencil, sullo schermo di iPad Pro da 12,9". La parte più notevole dell'apparecchio è la latenza pressoché assente, che fa sembrare istantaneo lo sgorgare del tratto nell'atto in cui la punta, che riconosce anche l'inclinazione e modifica appropriatamente il tratto, tocca la superficie dello schermo.

Samsung Galaxy TabPro S. Tra le specifiche interessanti vi sono Windows 10 (Home o Pro), uno schermo 12”, 2.160 x 1.440 pixel di risoluzione, un processore M3 Intel processor, quattro gigabyte di RAM, 128 gigabyte di spazio disco (con opzioni da 256 gigabyte) e peso di appena 693 grammi.

Il limite principale di Galaxy TabPro S è il singolo connettore USB Type-C, cui si affiancano solo l'ingresso audio e un connettore magnetico per la tastiera asportabile, che diventa coprischermo come accade per Surface Pro e iPad Pro. La differenza è che è compresa nel prezzo base.

A confronto