PayPal nel 2000 e gli smartphone negli ultimi anni hanno cambiato il ritmo dell'innovazione.

Mobile-PaymentMobile e contactless marciano insieme

Non solo banche, ma operatori telefonici, grande distribuzione e giganti della tecnologia si sono lanciati nell'offerta di soluzioni per il pagamento elettronico. Tra quanti utilizzano la tecnologia QR Code, per fare uno dei tanti esempi, Auchan ha messo a punto il servizio Flash’N pay, Walmart ha Scan&Go and McDonald's viene dalla fresca firma di una partnership negli Stati Uniti con un group di operatori per nuove opzioni di pagamento NFC. Da due anni, venendo al modo della tecnologia, PayPal dispone di un sistema di e-payment per negozi e clienti: PayPal Here. Google ha creato Google Wallet basandosi sulla tecnologia NFC e Apple ha da poco introdotto recently introduced Apple Pay. Secondo Bill Gates, anche Microsoft sta lavorando a un ecosistema di pagamenti contactless.

NFC per i pagamenti nella Internet of Things

La tecnologia NFC (Near Field Communication) ha stentato ad attecchire, ma ora sta guadagnando terreno. Sono stati compiuti progressi su tutti i fronti: carte bancarie, smartphone e terminal. L'arrivo di Apple Pay ha certamente dato nuovo impulso all'adozione di questi sistemi. NFC potrebbe sfondare definitivamente con l'avvento degli smartwatch.

NFC-epayment-smart-watch-gfk

Inizia l'era di Bluetooth 4.0

La tecnologia Beacon si basa su trasmissioni Bluetooth 4.0 (BLE: Bluetooth Low Energy) operanti su lunghe distance. Beacon viene già apprezzata come sistema di localizzazione dei clienti ma è destinata a svilupparsi ulteriormente anche in funzione dei pagamenti contactless, vista la capacità di riconoscere l'apparecchio del cliente (si veda questo articolo di TechCrunch). Questa tecnologia è tuttavia più intrusiva di NFC e parte del mondo bancario è ancora scettica.

L'infografica Beacon vs. NFC mostra rapidamente vantaggi, svantaggi e differenze tra NFC e Beacon.

BLE-NFC3

Leggi e soluzioni per tutte le transazioni

L'Unione Europea ha standardizzato le leggi sui pagamenti elettronici nel 2009 e in teoria allargato la concorrenza a soggetti nuovi e più piccoli.

Lo status di istituzione di pagamento viene accordato dalle autorità finanziarie previo rispetto di criteri stringenti e permette la fornitura di servizi di pagamento anche da parte di soggetti che non siano banche.

Una seconda direttiva europea ha formalizzato lo status delle istituzioni operanti nel settore del denaro elettronico. La direttiva consente i pagamenti attraverso apparecchi elettronici come smart card e smartphone e definisce il denaro elettronico come equivalente a quello liquido.

Per approfondire