Il 2015 vedrà più convergenza tra fisso e mobile.

Microsoft-windows-10Microsoft: nuovo Office e Windows 10

Microsoft non annuncerà ufficialmente Windows 10 fino al 21 gennaio, ma la versione Tech Preview illustra bene le sue funzioni principali, una delle quali l'adeguamento almeno in teoria a tutti i tipi di piattaforma (PC, tablet, smartphone e smart object), a riconciliazione degli amanti del mouse con quelli del touch:

  • Il menu Inizio – la cui assenza in Windows 8 ha suscitato controversie – è tornato a furor di popolo, assieme alla ricerca su desktop e web.
  • Lo schermo si adatterà automaticamente all'apparecchio usato, con o senza tastiera, e si potrà commutare tra i menu stile Windows 7 e le mattonelle personalizzabili di Modern UI.
  • Windows Store sarà ottimizzato per tutti i tipi di PC, che abbiano o meno un touchscreen, con qualsiasi dimensione di schermo.
  • Anche il multitasking sarà ampiamente migliorato: si potrà personalizzare il desktop con le applicazioni e i siti più usati, passare da una applicazione a un'altra e giostrare tra scrivanie separate, a casa e in ufficio. (Si veda il filmato ufficiale di Tech Preview).

Office 16 è invece atteso per la seconda metà del 2015. Secondo le voci, avrà una opzione di aiuto Tell Me attualmente presente solo su Office Online, maggiori opzioni di scaricamento della posta entro limiti di tempo prefissati con Outlook, uno sfondo più scuro per aumentare il comfort visivo, un sistema più flessibile per posizionare immagini nei documenti, condivisione di file più rapida mediante OneDrive (si veda questo articolo su The Verge). Arriverà anche una versione per apparecchi mobili, che da tempo esiste su iPad e come novità arriverà su Android.

Microsoft-office-16-2

Android-lollipopLollipop, il nuovo Android

Lo scorso autunno Google ha presentato agli sviluppatori l'ultima versione di Android, 5.x. Tra le migliorie più vistose figurano il design grafico e un sistema di notifiche, la gestione delle chiamate, l'autonomia, la sicurezza e la separazione tra account personali e di lavoro.

  • L'interfaccia della nuova versione di Android stata progettata per tutti gli apparecchi e oggetti connessi (smartphone, tablet, smart watch, TV) nonché per gli strumenti di Google (Gmail, Google Apps e Chrome).
  • Notifiche: si può rispondere loro dalla schermata di blocco e filtrarle secondo una scala di priorità.
  • Nessuna interruzione per le chiamate in arrivo: si può scegliere se rispondere o continuare a lavorare – o divertirsi – nell'applicazione in uso.
  • Più batteria: Google sostiene che l'autonomia si allunghi anche di novanta minuti.
  • Condivisione facile e sicura: Lollipop riconosce profili cliente multipli. Gli utilizzatori possono condividere l'apparecchio in modalità ospite, o apparentarlo con un apparecchio wearable, se non la propria auto.
  • Account separati per casa e lavoro: funzione all'apparenza ideal per il BYOD. (Qui si trovano i dettagli delle specifiche).

 

Lollipop debutta sui Nexus e si propagherà a Samsung Galaxy S5, Alpha e Note 4 e 3; Motorola X e G; Sony Xperia Z; HTC One M8 e M7. A seconda dell'apparecchio e del Paese l'attesa può essere di qualche giorno o poche settimane.

Apple intanto guarda… l'orologio

Nessun dettaglio è noto delle uscite del 2015 riguardanti i sistemi operativi Apple, che peraltro – Yosemite 10.10 per Mac e iOS 8 per iPhone e iPad – hanno debuttato all'inizio dell'autunno, con funzioni come Handoff (la continuità del lavoro nelle applicazioni tra Mac e apparecchi mobile, si lascia un documento a metà per riprenderlo istantaneamente su un altro apparecchio) e il trio di programmi per la produttività Numbers/Pages/Keynote che è stato abbondantemente riscritto per funzionare in modo praticamente identico su OS X, su iOS e nel browser tramite iCloud. Il quale ha acquisito finalmente la possibilità, con iCloud Drive, di mettere i file a disposizione di qualsiasi applicazione, anche se non è quella che ha creato il documento.

È comunque atteso un rilascio software importante, che potrebbe anche arrivare prima della fine dell'inverno: parliamo ovviamente della versione di iOS che sarà presente in Apple Watch.
(Qui i dettagli su Yosemite, iOS, iCloud e Apple Watch).