Una sola mano, schermo da 7,9 pollici, peso dimezzato: iPad mini cavalca la mobilità.

Attenzione ai contenuti

Presentato il 23 ottobre, l'iPad più piccolo era stato anticipato in molte delle sue caratteristiche e così non è stato veramente una sorpresa. Tuttavia pone sfide interessanti e ulteriori per il computing e l'accesso ai contenuti in mobilità.

Apple copre con iPad mini un ulteriore segmento di mercato, quello dei tablet da sette pollici, proponendo soluzioni che certamente non possono lasciare indifferente la concorrenza (Samsung con Galaxy Tab; Google con Nexus 7; Amazon con Kindle) e quanti già in possesso di un iPad 2 hanno voglia di rinnovare la propria dotazione con un modello ancora più leggero – leggi facilmente trasportabile – a prezzi ancora più mini.

Phil Schiller, responsabile del marketing mondiale Apple, precisa che

iPad mini non è la versione in piccolo di iPad, ma il farsi prodotto di una concezione assolutamente nuova.

  • Schermo IPS: 7,9 pollici, 20% in meno rispetto ad iPad
  • Definizione: 1.024 x 768 pixel
  • Dimensioni: altezza 20 centimetri; larghezza 13,47 centimetri; spessore 0,72 centimetri, 23% in meno rispetto ad iPad
  • Peso: 308 grammi in WiFi, 53% in meno rispetto ad iPad
  • Processore dual core A5, lo stesso di iPad 2
  • Fotocamera iSight sul retro: foto 5 megapixel (registrazione video 1080p)
  • Videocamera FaceTime HD frontale: 1,2 megapixel
  • Connettore Lightning, lo stesso di iPhone 5 e iPad
  • Autonomia: 10 ore
  • Capacità: 16, 32, 64  gigabyte, Wi-Fi oppure Wi-Fi più cellulare (anche LTE), colore nero e ardesia oppure bianco e argento
  • 275.000 applicazioni compatibili per iPad e già disponibili
  • Disponibilità: dal 2 novembre la versione Wi-Fi, prossima la disponibilità di Wi-Fi più cellulare
  • Prezzo al pubblico: a partire da 329 euro fino a un massimo di 659 euro

iPad mini, iPad 2, iPad Retina a confronto

Aggiornamenti anche per iPad, MacBook Pro, iMac e Mac mini

Prima di iPad mini, la casa di Cupertino ha presentato al pubblico gli aggiornamenti Apple per le macchine già in essere: iPad – quello "grande" con schermo da 9,7 pollici di diagonale – passa a un più potente processore AX6 (di prestazioni doppie) e al connettore Lightning, a prezzo invariato.

MacBook Pro da 13 pollici perde peso (500 grammi per 0,5 centimetri di spessore in meno), sostituisce lettore DVD e disco rigido con una memoria Flash, adotta lo schermo Retina (2.560 x 1.600 pixel di risoluzione) e una fotocamera FaceTime HD.

Rinnovo anche per la gamma iMac: più sottile, disponibile con schermo da 21,5 o da 27 pollici, con nuovo sistema di stoccaggio dati Fusion Drive (l'obiettivo è fornire il più possibile le prestazioni di un disco SSD con la convenienza di un disco tradizionale) privato di lettore DVD. Per Mac mini invece i miglioramenti consistono in processore più potente e miglioramento della connettività, con interfacce Thunderbolt e USB 3.