Collaborazione, co-creazione e co-working sono un modello di innovazione alternativo.

Coopetition-emedia3Nuove strategie competitive

Basato su una combinazione di varie teorie di management, strategie di concorrenza e cooperazione e teoria dei giochi, il concetto di coopetition rappresenta un nuovo approccio per le imprese che vogliono mantenere un vantaggio sul mercato. La base della strategia consiste nello sfruttare i vantaggi altrui attraverso l'unione delle forze e del lavoro, allo scopo di guadagnare quote di mercato (fonte SearchCIO). L'obiettivo ultimo della coopetition è che organizzazioni altrimenti rivali mettano in comune capacità e conoscenza per innovare congiuntamente, accelerare la crescita degli ecosistemi e creare valore.

Coopetition-emediaObiettivo economia di scala

La coopetition avviene da oltre un decennio in aviazione, nell'industria automobilistica e anche in quella delle tecnologie informatiche e di comunicazione. Si considerino per esempio la collaborazione di successo tra Samsung e Sony del 2006 per la produzione congiunta di schermi LCD, qui raccontata da Business Week, oppure le composite alleanze tra gruppi chimici, cosmetici e dell'igiene come Henkel (Mir, Le Chat, Lessive X-Tra) e Reckitt-Benckisser (Woolite, Harpic, Nurofen), o le cooperazioni strategiche di Renault e Daimler nel 2010. Harvard Business Review cita altri esempi di coopetition: ancora nel settore automobilistico, Ford e Toyota hanno unito le forze nel 2013 per progettare un nuovo veicolo ibrido, mentre Peugeot-Citroën e Toyota hanno collaborato alla costruzione di veicoli commerciali leggeri per l'Europa. I giganti della tecnologia, intanto, non ignorano la coopetition: Apple e Microsoft hanno collaborato allo sviluppo di un sistema operativo mobile di Microsoft, con tanto di accordo anti-clonaggio (Fonte HBR, Use co-opetition to build new lines of revenues). E ricordiamo anche il caso di Google e Mozilla, dove Google finanzia il browser web Firefox di Mozilla, rivale del proprio Chrome, per limitare l'influenza di rivali come Internet Explorer di Microsoft e Safari di Apple.